Prick Test

Test cutanei per identificare la presenza di una reazione di tipo allergico a sostanze inalabili o ad alimenti.

Fornisce indicazioni utili nel percorso diagnostico delle patologie allergiche respiratorie.

Il prick test è il test fondamentale per la diagnosi delle allergie respiratorie e alimentari.

Il prick test viene effettuato posizionando una goccia di un estratto allergenico (di tipo alimentare o inalante: polline, derivato degli acari della polvere o degli animali domestici, ecc.) sulla cute a del paziente, successivamente l’allergologo va a “pizzicare” (prick) la cute sottostante la goccia allergenica con una lancetta sterile (solitamente di plastica o acciaio). Eseguita la puntura, la soluzione allergenica può essere rimossa con un cotone, garza, carta evitando di mescolare tra loro le varie soluzioni. Dopo circa 15-20 minuti di attesa, la cute viene esaminata, per valutare eventuali reazioni positive ad uno o più allergeni, che si presentano come pomfi tondeggianti e rilevati, del diametro di alcuni millimetri, pruriginosi e contornati da eritema.

Importante: prima di effettuare dei prick test assicurarsi di aver interrotto la terapia anti-istaminica da almeno 10 giorni.