Spirometria

Esame strumentale necessario a valutare i flussi e i volumi polmonari. Indispensabile per la diagnosi delle malattie respiratorie ostruttive e monitorare tutte le alterazioni della funzionalità respiratoria.

La spirometria consiste nella valutazione dei flussi e dei volumi polmonari. Serve a diagnosticare le più comuni malattie respiratorie (Asma, BPCO). L'esame spirometrico consiste nella valutazione strumentale finalizzata alla diagnosi e al trattamento di eventuali malattie dell'apparato respiratorio acute e croniche. Un esame molto semplice da effettuare, consiste in una prova da sforzo effettuata collegandosi ad uno spirometro, non è un esame invasivo, ed è necessario per la valutazione della funzionalità respiratoria.

Lo strumento utilizzato in questi casi si chiama spirometro che consiste in un misuratore del flusso d'aria mobilizzata dal paziente, il quale deve eseguire delle manovre respiratorie mentre è collegato tramite boccaglio a questo strumento.

Importante: prima di effettuare per la prima volta l'esame spirometrico assicurarsi di aver sospeso la terapia con broncodilatatori da almeno 24 h dopo aver consultato il curante